top of page
  • Immagine del redattoreFisioterapia Sistema

Reflusso gastroesofageo e alimentazione




Cos’è il reflusso gastroesofageo?

Il reflusso gastroesofageo è un disturbo caratterizzato da diversi sintomi, tutti riconducibili alla risalita nell’esofago del contenuto acido dello stomaco. Le cause sono molteplici e riconducibili ad uno stile di vita non completamente salutare e ad abitudini dietetiche errate.


Quali sono i fattori di rischio?

I principali fattori di rischio per lo sviluppo di questa condizione sono numerosi e includono:

  • sovrappeso e obesità

  • fumo attivo e passivo

  • stress, ansia e depressione

  • sedentarietà

  • abitudini alimentari errate

  • porzioni di cibo eccessive

  • coricarsi subito dopo i pasti


Come comportarsi a tavola e in cucina?

Reflusso e cibo sono fortemente legati fra loro sia a livello di causa, perchè abitudini alimentari errate possono favorire questo disturbo, sia a livello terapeutico poichè consumare cibo giusto al momento giusto può alleviare i sintomi. Chiaramente oltre a prestare attenzione all’alimento puro è importante scegliere metodi di cottura leggeri come la cottura al vapore, al cartoccio, a bassa temperatura…


Quali cibi evitare?

  • Cibi ad alto contenuto in grassi (fritto, carne grassa, dolci come il gelato e tiramisù, maionese) perché i lipidi rilassano lo sfintere esofageo favorendo la risalita di acido dallo stomaco.

  • Pomodori e frutta acida come arancia, limone, clementina, mandarino, pompelmo, ananas…

  • Cioccolato poichè contiene la metilxantina che rilassa la muscolatura dell’esofago favorendo il ritorno di acido dallo stomaco all’esofago

  • Caffè e te perché come il cioccolato contengono metilxantine

  • Menta, caramelle e gomme alla menta

  • Bevande gassate

  • Alcolici

  • Aglio, cipolle, cibi piccanti (gli effetti negativi sono soggettivi)


Quali cibi mangiare?

  • Le verdure sono naturalmente povere di grassi e aiutano a ridurre l’acidità gastrica. Puoi scegliere ad esempio fagiolini, broccoli, asparagi, cavolfiori, vegetali a foglia verde, cetrioli. 

  • Lo zenzero ha proprietà antinfiammatorie e puoi utilizzarlo in cucina durante la cottura di carne e pesce.

  • L‘avena assorbe l’acido dello stomaco e riduce i sintomi del reflusso. Se scegli i fiocchi di avena puoi consumarli a colazione come porridge oppure per arricchire uno yogurt magro, se invece scegli l’avena in chicchi puoi cucinarla come primo piatto.

  • La frutta non acida come melone, pere, mele, banane e frutti di bosco. La frutta puoi mangiarla fresca o cotta, ad esempio le mele e le pere cotte insieme alla cannella sono un ottimo dessert dalle proprietà antinfiammatorie.

  • Le proteine magre come carne bianca, uova e pesce magro sono più facili da digerire e comportano una minore produzione di succhi gastrici.

  • cereali integrali come pasta integrale, riso nero, rio rosso, riso integrale e cereali in chicco assorbono i succhi gastrici.


Altri consigli utili

  • Mangia piccole porzioni e lentamente

  • Nelle 2 ore successive al pasto non sdraiarti, ma dedicati al giardino, alla casa oppure fai due passi a piedi.

  • Preferisci vestiti morbidi che non stringano la pancia.

  • Evita di mangiare per 3-4 ore prima di andare a letto

  • Durante a notte metti un cuscino sotto il materasso in modo da mantenere la testa più alzata

  • Bevi abbondantemente tra un pasto e l’altro e poco durante il pasto.


La Dott.ssa Annalisa Calati riceve presso STUDIO SISTEMA di Abbiategrasso


Dott.ssa Annalisa Calati Biologa Nutrizionista


Commentaires


bottom of page